Mario Cucinella: the eco-home rechargeable from 100 thousand euros

The house of 100 thousand euros, low-cost, dream home, low environmental impact, is a nice slogan. But I like to think that it is above all a good project. Architecture of many buildings. ”
Mario Cucinella, 48, was born in Palermo, who grew up in Genoa, where he joined the team of Renzo Piano, passed through Paris and now based in Bologna, is not archistar who likes to put the signature on futuristic projects. Notposing as celebrities, in short, like many colleagues. It happens not even find hisstudy, which is the classic open space: an address you’d expect at least a little glamor and instead come to his shop across the courtyard of a company thatsells plumbing. Nor is it one that raises his voice, Cucinella: he likes to speak softly, the tone of the argument. Yet his design for a house to 100 thousand euros is a cry against conformity of many buildings. One idea, he explains, thathas come to “try to make something different in a market that offers only speculative.”

 

 

THE HOUSE OF EURO 100THOUSAND was presented the first time in 2007 when subprime mortgages were used to fulfill a dream and they were a nightmare. It seemed an original escape from a market, the Italian one, then the type of housing was quoted euros 263,600 for 100 square meters. “The whole world is built, the living,” explains Cucinella, “consumes and produces much more carbon dioxide transport and industry sectors that are monitored for years and have made a commitment to reduce their pollution. Living on the other hand is still, perhaps because the energy of a building is hidden, has no aesthetic value, then, is snubbed. But if it becomes a creative opportunity, a new form of beauty ? “.
He asked the question and the answers he sought, Cucinella. He who, to paraphrase Mies van der Rohe and his famous less is more, as a personal motto has more with lessmore with little, he surprised his students by making them engage with spaghetti because the fragility of the buildings for them fiventifamiliar concept, almost physical, he leads a team where in addition toarchitects working on projects there are others devoted only to energy research.

Just do some simple math: “The average monthly expenditure of a italian family is of 2461 euros (ISTAT). Of these, 5 percent, then 123 euros, are intended for fuelsand electricity. Only in average electricity consumption per unit of population is about 3000 kWh per year. If the house becomes a small single central power producer, with 70 square feet of roof available for a photovoltaic system, particularly in parts of sunny Italy to get to cover all the needs. ”

“I also analyzed a study by WWF and Makno” Cucinella continues: “Underpower saving, we Italians are second only to Sweden. We are not distracted as they say, if anything, we need a different perspective. That will come whenthere will be a decree recognizing the value of PV at which time we will not have a niche market but a mass movement. People will understand andappreciate the opportunity to pay half the mortgage with a home transformed into a micro power station. ”

Obviously, the families alone can not trigger this revolution. Indeed Cucinella courting the same way manufacturers and local governments: the one asking to reduce the claims without giving up their profits, the other has the opportunity to enhance not only land but entire neighborhoods..

Enhance and upgrade. All without confining people in tenements that still popular today we would say: “My idea is rather to propose a house like Ikea: high design at low cost, accessible to all. I am convinced that democracy is an expression of great design to bring in every day life. We must work in exclusivity. ”
The house from 100 thousand euros has many common areas, is suggested cost sharing group, there is even talk of car sharing, thinking how to removegreen space for parking, and a garden condominium operated by tenants. Try toargue that perhaps the revolution is still far and Mario Cucinella, with a smile, tells you about the paradox of the drill: we have it all at home, use it for ten minutes a month if all goes well. “Use without having is the key to reduce costs and energy waste,” says his “manifesto”.
But things in common are not exactly the house of dream … “My proposal is a measure of desire”, reiterates Cucinella flipping through a catalog: “I give you a box to live.The fact that the clothing makes you different from what I live. I enjoy a world forthe project because in the end there is always someone who tells me:”Architect, this house is also beautiful.” It’s nice to be able to customize, it’s niceto know that the concrete lighter used (and studied with Italcementi) does not detract from privacy: on the contrary is another source of savings because it is made of recycled materials and improves thermal performance by about 25 percent. Above all it is nice to have a home that you are not madly into debt is owed. And when at last in Italy will be obliged to certify the performance, the houses built so they will have a different and more valuable. Will create a new market. ”

How the house is built for 100 thousand euros? The solar thermal and photovoltaic roof covers the total consumption of the building, the glass surfaces make the most of the sun’s heat in winter and provide lots of light, while protection from solar radiation is made possible by horizontal objects and external shielding furniture. There are also a reservoir of rainwater collection, geothermal heat pumps in vertical or groundwater and, if the place is windy, wind turbine generation, beautiful to see, installed in the garden.

In Settimo Torinese had reserved in their zoning area for experimental building, built with the use of renewable technologies. The combination with the project Cucinella, even for the part relating to CO2 emissions to zero, it was inevitable.The seat that was once the Lord Siva, the paint factory run by Primo Levi, a year later the first 50 dwellings will be built.

This is not about waiting for those who will follow the example of Settimo Torinese, but to wait for the viral infection to run its course. Again, Cucinella shows an architectural expert architectures: part del Scientific Committee of Symbola, the foundation that takes care of Italian excellence, collaborating with Legambiente attends the World Bank to ensure the certificate most important to the success of his project , that of economy and profitability leading to the provision of soft loans, followed by companies offering new products for building and working with Italcementi, with a partnership to a new generation of materials, and finally speaks of destruction: “Yes, rottamiamo hideous building.It’s a huge market, a real challenge to economic. ”

And for him, it is understood, is that the economy of the future. “This is not the return to a regionalism architecture,” concludes Cucinella, while she continues to design new buildings: the latter are the CSet Building in Ningbo, China, Ecobuilding in Podgorica in Montenegro and the headquarters of 3M Pioltello .”If anything, we need to better interpret the relationship between buildings and climate. You can transform a building standing from consumer to producer of energy? And what language we will address the construction of a building like this? We will be able to superimpose on the theme of quality to a better and more rational use of energy? “.

So many questions, many answers to be searched together. It ensures the architect, not just architecture.

 

WIRED.IT

ItaliaWorldWide

E.P

Mario Cucinella: la eco-casa ricaricabile da 100 mila euro

«La casa da 100mila euroa basso costo, a misura di desiderio, a basso impatto ambientale, è un bello slogan. A me piace però pensare che sia soprattutto un buon progetto. Un’architettura di tante architetture».

Mario Cucinella, 48 anni, nato a Palermo, cresciuto a Genova dove ha fatto parte del team di Renzo Piano, passato per Parigi e adesso di base a Bologna, non è un’archistar a cui piace mettere la firma su progetti avveniristici. Non si atteggia da celebrità, insomma, come tanti colleghi. Capita persino di non trovare il suo studio, che è il classico open space: ti aspetti un indirizzo almeno un pò glamour e invece arrivi alla sua bottega attraverso il cortile di un’azienda che vende impianti idraulici. Non è nemmeno uno che alza la voce, Cucinella: gli piace parlare piano, con il tono del ragionamento. Eppure il suo progetto per una casa da 100mila euro è un urlo contro il conformismo di tante costruzioni. Un’idea, spiega, che gli è venuta per «provare a dare qualcosa di diverso a un mercato che propone solo edilizia speculativa».

 

 

LA CASA DA 100MILA EURO è stata presentata la prima volta nel 2007, quando ancora i mutui subprime servivano per coronare un sogno e non erano un incubo. Sembrava un’originale fuga da un mercato, quello italiano, che allora quotava un alloggio tipo di 100 metri quadrati 263.600 euro. «Tutto il mondo costruito, l’abitare», spiega ancora Cucinella, «consuma e produce molta più anidride carbonica dei trasporti e dell’industria, settori che da anni sono monitorati e hanno preso l’impegno a ridurre il loro inquinamento. L’abitare invece è fermo, forse anche perché l’energia di un edificio non si vede, non ha un valore estetico, dunque è snobbata. Ma se diventasse un’opportunità creativa, una nuova forma di bellezza?».

Si è posto la domanda e ha cercato le risposte, Cucinella. Lui che, parafrasando Mies van der Rohe e il suo celebre less is more, ha come motto personale more with lessdi più con poco; lui che stupisce i suoi studenti universitari facendoli esercitare con gli spaghetti perché la fragilità delle costruzioni fiventi per loro un concetto familiare, quasi fisico; lui che guida un team in cui oltre agli architetti impegnati sui progetti ce ne sono altri dedicati solo alla ricerca sull’energia.

Basta fare dei semplici conti: «La spesa media mensile di una famiglia è di 2461 euro(fonte Istat). Di questi, il 5 per cento, dunque 123 euro, sono destinati a combustibili ed energia elettrica. Soltanto in elettricità il consumo medio per unità abitativa è di circa 3000 chilowattora all’anno. Se la singola casa diventa una piccola centrale produttrice di energia, con 70 metri quadrati di tetto piano a disposizione per un impianto fotovoltaico, in alcune zone d’Italia particolarmente soleggiate si arriva a coprire totalmente il fabbisogno».

«Ho analizzato pure uno studio del Wwf e della Makno», continua Cucinella: «Alla voce risparmio energetico, noi italiani siamo secondi solo agli svedesi. Non siamo distratti come si dice, semmai ci serve una prospettiva diversa. Che potrà arrivare quando ci sarà un decreto che riconosca il valore del fotovoltaico: in quel momento non avremo più un mercato di nicchia ma un movimento di massa. La gente capirà e apprezzerà la possibilità di pagare metà del mutuo con un’abitazione trasformata in una micro centrale di energia».

Ovviamente, le famiglie da sole non possono innescare questa rivoluzione. E infatti Cucinella corteggia allo stesso modo costruttori ed enti locali: agli uni chiede di ridurre le pretese senza per questo rinunciare ai loro profitti; agli altri presenta l’opportunità divalorizzare non solo terreni ma interi quartieri.

Valorizzare e riqualificare. Il tutto senza confinare la gente in casermoni che ancor oggi diremmo popolari: «La mia idea è piuttosto quella di proporre una casa tipo Ikeaalto livello di design a basso costo, accessibile a tutti. Sono convinto che sia un’espressione di grande democrazia portare il design nella vita di ogni giorno. Non dobbiamo lavorare nell’esclusività».

La casa da 100mila euro ha molti spazi comuni, è suggerita la condivisione delle spese collettive, si parla persino di car sharing, pensando a quanto spazio tolgono al verde i parcheggi, e di un orto condominiale gestito dagli inquilini. Provi a obiettare che forse la rivoluzione è ancora lontana e Mario Cucinella, con un sorriso, ti racconta il paradosso del trapano: lo abbiamo tutti in casa, per usarlo dieci minuti al mese se va bene. «Utilizzare senza possedere è la chiave di volta per abbattere costi e sprechi energetici», recita il suo “manifesto”.

Ma la comune non è esattamente la casa dei sogni… «La mia proposta è a misura di desiderio», ribadisce Cucinella sfogliando un catalogo: «Io ti dò un rettangolo da abitare. Il fatto che lo abiti tu lo rende diverso da quello che abito io. Mi diverto un mondo a presentare il progetto perché alla fine c’è sempre chi mi dice: “Architetto, è pure bella questa casa!“. È bello poterla personalizzare, è bello sapere che il cemento più leggero impiegato (e studiato con Italcementi) nulla toglie alla privacy: al contrario è un’altra fonte di risparmio perché è fatto di materiali da riciclo e migliora la prestazione termica di circa il 25 per cento. Soprattutto è bello avere una casa propria per cui non ci si è dovuti indebitare follemente. E, quando finalmente anche in Italia ci sarà l’obbligo di certificare le prestazioni, le case costruite così avranno un altro e più alto valore. Nascerà un mercato nuovo».

In che modo è costruita la casa da 100mila euro? L’impianto solare fotovoltaico e termico sul tetto copre i consumi totali dell’edificio, le superfici vetrate sfruttano al meglio il calore del sole anche in inverno e garantiscono tanta luce, mentre la protezione dalla radiazione solare è resa possibile da oggetti orizzontali e schermature esterne mobili. Ci sono poi un serbatoio di raccolta delle acque piovanepompe di calore a sonde geotermiche verticali o ad acqua di falda e, se il posto è ventoso, turbine eoliche di ultima generazione, belle da vedere, installabili in giardino.

Settimo Torinese avevano riservato nel loro piano regolatore un’area per edilizia sperimentale, realizzata con l’impiego di tecnologie rinnovabili. L’abbinamento col progetto di Cucinella, anche per la parte relativa alle emissioni di CO2 azzerate, è stato inevitabile. Nella sede che un tempo fu della Siva, la fabbrica di vernici diretta da Primo Levi, entro un anno saranno costruiti i primi 50 alloggi.

Non si tratta di aspettare chi seguirà l’esempio di Settimo Torinese, ma di attendere che il contagio virale faccia il suo corso. Di nuovo, Cucinella si mostra un esperto di architettura delle architetture: fa parte delcomitato scientifico di Symbola, la fondazione che si occupa delle eccellenze italiane;collabora con Legambiente; frequenta il mondo delle banche per garantire il certificato più importante per la riuscita del suo progetto, quello di economia e redditività che porta all’erogazione di mutui agevolati; segue le aziende che propongono nuovi prodotti per l’edilizia e collabora con Italcementi, con una partnership per una nuova generazione di materiali; infine parla di rottamazione: «Ma sì, rottamiamo l’edilizia orrenda. È un mercato immenso, una vera sfi da economica».

E per lui, si è capito, l’economia è quella del futuro. «Non si tratta del ritorno a un regionalismo dell’architettura», conclude Cucinella, che intanto continua a progettare nuovi edifici: gli ultimi sono il CSet Building a Ningbo in Cina, l’Ecobuilding a Podgorica in Montenegro e la sede della 3M a Pioltello. «Semmai, dobbiamo interpretare meglio il rapporto tra costruzioni e clima. È possibile trasformare un edifi cio da consumatore a produttore di energia? E con quali linguaggi si affronterà la realizzazione di un edificio così? Saremo capaci di sovrapporre al tema della qualità dell’architettura quello di un migliore e più razionale utilizzo dell’energia?».

Tante domande, tante risposte da cercare insieme. E, garantisce l’architetto, non è solo architettura.

 

Fonte WIRED.IT

ItaliaWorldWide

E.P

%d bloggers like this: